♦ 18 aule divine

In cammino lungo 18 chiesette

Il gusto del viaggiare, dello scoprire un segreto nascosto, magari nascosto dietro un angolo di mondo di cui non sospettiamo la bellezza. Il gusto del viaggiare si sposa col gusto di ospitare, di mostrare i gioielli della casa, di offrire ciò che abbiamo di buono a chi lo sa apprezzare.

Cesiomaggiore: una pieve antica, un territorio, una comunità, una storia. Cesiomaggiore quel gusto di farsi scoprire ce l’ha. Ha il piacere di far scoprire ai viaggiatori che l’attraversano, di svelare loro, il bello segreto, il bello delle proprie contrade: strade di collina, sfondo di monti, case che furono castelli, ville, corti contadine, rustici forti e severi, e le valli. Valli che sanno di natura e di mistero. Cesio ha il piacere soprattutto di mostrare le sue chiesette, le tante “aule divine”, che disseminano la costa delle Alpi Feltrine.

Chi l’avrebbe detto? Appaiono affreschi bellissimi, stucchi barocchi e splendide pale d’altare, piccole finestre medievali, stemmi, iscrizioni, statue e portali. Memorie da assaporare con l’aroma della fantasia, perché la fantasia corre ai tempi lontani, ai tempi dei cavalli, dei carri, delle mandrie, ai tempi in cui scrosciava l’acqua alla fontana, e le donne lavavano insieme al lavatoio, al tempo dei pievani, dei castellani e dei loro mezzadri. La fantasia si muove sulle note dell’arte e della fede, sulle note della memoria.

Ecco, ora si può viaggiare lungo un cammino di diciotto chiesette, le diciotto “Aule Divine” che la gente di Cesio ha voluto aprire ed offrire allo sguardo del viaggiatore.

Un patrimonio di arte di fede e di cultura

Un vero patrimonio di arte di fede e di cultura è il tesoro che i nostri borghi conservano tra le rughe delle vecchie corti rurali e i seni dei colli pedemontani.

È un tesoro silente e discreto, che sa raccontare una storia secolare fatta di piccole cose, di devozioni quotidiane, di santità e di umanità travagliata.

È una storia di cavalieri e di contadini, di mezzadri e di padroni, di pievani e di curati, di “villani”, di pellegrini, di artisti e di castaldi. È, in definitiva, la storia delle nostra gente. Noi non possiamo non amarla e non possiamo non esserne orgogliosi.

Anche perché in queste aule, in questi sacelli, si respira, con il sentore del tempo che va, quello divino dell’infinito. Si respira il silenzio dell’eternità, complice la bellezza dei luoghi e dell’arte, e di un’eternità tanto semplice e quotidiana quanto misteriosa.

Il mistero è quello cristiano, la presenza divina che non grida, ma sussurrando insegna, in queste piccole aule di campagna, le grandi verità della fede.

Aule Divine dunque. Si tratta in effetti di chiese di piccole dimensioni, perlopiù quadrangolari, dall’architettura elementare, ad eccezione dell’arcipretale di Cesio Maggiore. Semplici aule dunque, ma tanto ricche di testimonianze di fede e di arte, e ancora così capaci di comunicare la sacralità, semplice e quotidiana, della vita, da meritare giustamente l’aggettivo di “divine”.

Michele Balen

Il percorso

È un percorso che si può fare in molti modi. Si può fare in silenzio, cercando frammenti di pace sempre più rari; si può fare col taccuino dell’esploratore, in cui segnare le proprie scoperte, le proprie riflessioni o le tracce del cammino percorso; è un percorso che si può fare con gli amici, come prendendo un buon caffè in compagnia, con l’allegria e la meraviglia dei nuovi incontri; si può fare coi bambini per imparare insieme a loro cose nuove o per insegnar loro l’arte sacra della memoria. Lo si può fare in molti modi ma una cosa è certa: è un peccato non farlo.

Percorso A

Chiesa di San Giuda Taddeo a Salgarda

Chiesa di San Biagio a Menin

Chiesa di San Vendemiano

Chiesa di San Sebastiano a Dorgnan

Chiesa di Sant’Andrea ad Anzaven

Chiesa di Sant’Elena a Calliol

Chiesa del SS.Salvatore a Cullogne

Chiesa di San Leonardo a Cesiominore

Chiesa di San Vitale a Toschian

Percorso B

Oratorio della Visitazione a Pez

Chiesa di Santa Lucia a Can

Chiesa di San Liberale di Marsiai

Chiesa di San Pietro in Vincoli a Marsiai

Chiesa di San Vito a Col San Vito

Chiesa di San Rocco a Pez

Chiesa di San Lorenzo a Pullir

Chiesa dell’Immacolata di Fianema

Chiesa di Sant’Eurosia e San Giovanni Battista in Val Canzoi

Chiesa di Santa Maria Assunta di Cesiomaggiore

 Chiesa di San Pietro Apostolo a Soranzen

 Chiesa di Sant’Agapito in Valle

Scrivi il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...